news

Costruire verso un futuro Net Zero: il gioco dei muri di ruolo critico

8 Giugno 2021

Scopri come le specifiche dei materiali per le pareti possono ridurre il carbonio incorporato negli edifici industriali. Le prestazioni erano più facili da definire quando si seleziona un sistema di pareti per un nuovo progetto. Al giorno d'oggi le prestazioni includono la riduzione del carbonio incorporato, la flessibilità del design, la circolarità e la salute e il benessere, e stanno giocando un ruolo più importante nel processo decisionale materiale.

"In termini di come costruiamo e con cosa costruiamo, possiamo prendere decisioni migliori sui prodotti sulla progettazione di come gli edifici vengono assemblati e quindi decostruiti", afferma Brent Trenga, LEED AP BD+C, WELL AP e direttore della sostenibilità per Kingspan Nord America.

Con 6,13 miliardi di metri quadrati di edifici costruiti ogni anno , che rappresentano 3,7 miliardi di tonnellate di emissioni di carbonio incorporate e l'11% delle emissioni globali di gas serra (GHG), ci sono molte opportunità per apportare cambiamenti che hanno un grande impatto sull'ambiente costruito e sul salute del pianeta.

Riduzione del carbonio incorporato

Trovare modi per ridurre le emissioni operative continua ad essere importante, ma c'è uno spostamento verso il concentrarsi anche sul carbonio incorporato. Si prevede che il carbonio incorporato nelle nuove costruzioni aumenterà fino a quasi il 50% dell'impronta di carbonio complessiva di un edificio nei prossimi tre decenni. Concentrandosi su materiali ad alto volume e materiali ad alta emissione, le maggiori riduzioni possono essere apportate a questa quantità. Per gli edifici industriali, ciò significa sistemi di pareti, poiché cemento, ferro e acciaio possono rappresentare circa il 9% delle emissioni annuali di gas a effetto serra.

La revisione delle valutazioni del ciclo di vita (LCA) e delle dichiarazioni ambientali di prodotto (EPD) aiuta a guidare le selezioni ai materiali con un impatto ambientale inferiore. Inoltre, organizzazioni come il Carbon Leadership Forum, Architecture 2030 e Building Transparency offrono risorse per aiutare a ridurre il carbonio incorporato nell'ambiente costruito.

Circolarità

Considerare cosa succede ai materiali dopo la decostruzione può essere un fattore importante nelle valutazioni del ciclo di vita e nella scelta dei materiali da costruzione per raggiungere gli obiettivi di azzeramento. Mentre molti siti dimostrativi selezionano i materiali per il riciclaggio o il riutilizzo, sono in arrivo opzioni di riutilizzo e riutilizzo più rispettose dell'ambiente.

"Stiamo esaminando questo tipo di struttura del ciclo di vita, che è un design snello e circolare", afferma Trenga. I pannelli metallici isolati QuadCore® di Kingspan sono fissati con un sistema maschio e femmina, che poi si attacca alla struttura dell'edificio con elementi di fissaggio nascosti o a vista. Ciò consente di riutilizzare i pannelli quando è il momento di modificare o decostruire un edificio.

Possono anche essere riciclati. "Stiamo lavorando per perfezionare la tecnologia in grado di riciclare chimicamente la schiuma e reinserire quel materiale nella nostra catena di approvvigionamento", afferma Trenga. Poiché l'acciaio è riciclabile all'infinito, può anche essere smontato e riutilizzato.

Salute e benessere

Sia che l'obiettivo principale riguardi il raggiungimento dello zero netto, il guadagno di crediti LEED o il massimo della metratura per il potenziale di noleggio, l'isolamento utilizzato in un sistema di pareti può anche avere un grande impatto sulla salute e sul benessere delle persone che lo costruiscono e lo occupano.

I sistemi a parete come i pannelli in metallo QuadCore® che hanno basse emissioni di COV e nessun prodotto chimico della Lista vietata o della Lista rossa sono un'ottima opzione quando si cercano certificazioni edilizie da LEED, WELL e Living Building Challenge. Vale la pena notare che la vecchia regola empirica secondo cui le eco-opzioni affidabili dovevano essere più costose è scomparsa da tempo. Molti prodotti più recenti possono costare meno, ma tieni presente che se c'è una curva di apprendimento per appaltatori sconosciuti, questi risparmi saranno ridotti. Questo è qualcosa da scovare nel processo di offerta per la selezione del materiale.

"La narrativa secondo cui i materiali ecologici e salutari sono più costosi non è accurata", afferma Trenga. “I progettisti hanno dimostrato che edifici sani e ad alte prestazioni possono essere consegnati ai clienti all'interno della loro gamma di budget standard. La selezione del prodotto, il processo di progettazione integrato e la nostra capacità di sfruttare molti degli strumenti software disponibili sul mercato ci offrono più vantaggi che mai per progettare meglio".

Flessibilità di progettazione

I materiali organici potrebbero non avere sempre il minor impatto ambientale; non sono sempre pratici quando si tratta di metriche prestazionali come il valore R e lo spessore della parete. Gli assemblaggi a parete più sottile ad alte prestazioni realizzati in fabbriche alimentate da energia rinnovabile con un alto contenuto di materiale riciclato forniscono un ridotto impatto del carbonio con i vantaggi della flessibilità del design.

I sistemi a parete con PUR e PIR possono offrire questi vantaggi con migliori prestazioni termiche e un PIR ibrido proprietario chiamato QuadCore offre ancora di più con un valore R migliore dell'11% rispetto al PIR e del 60% rispetto al PUR. Questo sistema di pareti in acciaio più leggero offre opzioni di design e può essere personalizzato come pannello strutturale liscio, nervato o ondulato o come schermo antipioggia per una struttura in legno lamellare (CLT) di altezza media o bassa. Questi sistemi di pareti più sottili possono anche significare una grande differenza in termini di spazio affittabile e velocità di costruzione.

Mentre l'aumento delle opzioni di prodotto rende possibile la costruzione di edifici a minore impronta di carbonio, il cambiamento del modo in cui costruiamo inizia con il design e le specifiche del prodotto. Quando gli architetti prendono la decisione di utilizzare un sistema di pareti in grado di ridurre le emissioni complessive di GHG e il carbonio incorporato, l'impatto degli edifici industriali sul pianeta può essere ridotto e può essere possibile un futuro a zero.


Credit: https://www.architectmagazine.com/design/buildings/building-toward-a-net-zero-future-the-critical-role-walls-play

Condividi
Ultime Novità

Rivoluzione ecologica per una nuova sensibilità. Ipotizzare un futuro di sostenibilità e resilienza attraverso una rivoluzione ecologica. Dall’integrazione pianificatoria e progettuale a quella economica.

Copyright © Rivoluzione Verde - Promosso da Arspat, Biohabitat e Assform.

RIVOLUZIONE VERDE è un Comparto di ASSFORM - Corso Giovanni XXIII, 131 - 47921 Rimini - C.F. P.IVA 03585270402 - Privacy